Notice: Undefined index: user in /srv/www/htdocs/faleristica/variante.php on line 27 Faleristica.it
Diplomi e documenti
1818-continua
Comitato Centrale dei Veterani e Reduci delle Campagne nazionali e coloniali (798)
Durante il regno di Vittorio Emanuele II, primo Re d'Italia, sorgono in tutto il territorio nazionale varie associazioni di veterani delle Guerre di Indipendenza. Alla morte di Vittorio Emanuele II, avvenuta il 9 gennaio del 1878, tali associazioni, già confluite in un unico sodalizio, denominato "Comizio Generale dei Veterani 1848 - 1870", decidono, allo scopo di tenere viva la riconoscenza per la Casa di Savoia, di assumere il compito di prestare un servizio di guardia presso la sepoltura del Sovrano, ubicata al Pantheon di Roma. Il nuovo Re, Umberto I, approva tale decisione il 18 gennaio 1878. Nel 1900, in seguito alla morte di Umberto I, assassinato a Monza, anche le sue spoglie vengono tumulate all'interno del Pantheon, che assurge così ad uno dei luoghi-simbolo del giovane Regno d'Italia. I veterani estendono dunque il proprio servizio alle "Tombe Reali delle LL. MM. Vittorio Emanuele II -Padre della Patria- e primo Re d'Italia e di Umberto I, il 'Re Buono', secondo Re d'Italia". Nel 1911, il sodalizio cambia denominazione, diventando "Comitato Centrale Romano dei Veterani delle guerre per l'Indipendenza e l'Unità d'Italia", con sede appunto a Roma. Con gli auspici di Vittorio Emanuele III, viene inoltre eretto in Ente morale con un Regio Decreto dello stesso anno. Nel 1925, dato il numero sempre più esiguo di veterani risorgimentali, e considerata la necessità di reperire nuovi iscritti, vengono nuovamente modificati gli statuti ed il nome dell'associazione: nasce così il "Comitato Centrale dei Veterani e Reduci delle Campagne nazionali e coloniali", nel quale vengono ammessi anche i militari, in servizio od in congedo, che abbiano partecipato alle campagne coloniali o alla Grande Guerra. Intanto, nel 1926, muore anche la regina Margherita, e viene tumulata al Pantheon accanto al consorte Umberto I. Nel 1932, una nuova modifica statutaria porta all'adozione della denominazione di "Istituto Nazionale per la Guardia d'Onore alle Reali Tombe del Pantheon", mantenuta sino ad oggi.

(da http://guardiadonorevicenza.it/cenni-storici-sullistituto-delle-guardie-donore/)
Conferimento/emissione : 1923

(798)
Data conferimento 28/9/1923

Dimensione: 52x43 cm
Intestata a: Roberto Roberti
Collezione: CG
Click per immagine a piena risoluzione

Torna alla raccolta Diplomi e documenti